martedì 23 giugno 2015

TUTORIAL: Surfin' in Lahaina



Come promesso diverse settimane fa nella pagina Facebook di Ibiscoquilt, ecco finalmente il tutorial completo per fare il surf !
Questo progetto semplice e veloce è uno tra i miei preferiti: può essere utilizzato come scendiletto, come stuoia per il mare o per il parco, ma fa la sua bella figura anche appeso alla parete della camera di un bambino o della casa al mare.
Per realizzarlo avrete bisogno del cartamodello che trovate in vendita nel mio shop on line:http://www.alittlemarket.it/tutorial-di-fabbricazione/it_cartamodello_tappeto_surf_hawaiiano_-15127421.html

Vi ricordo che l cartamodello viene stampato in tipografia a dimensioni reali, in modo che possiate immediatamente mettervi al lavoro e realizzare il vostro personalissimo surf.

OCCORRENTE:
50 cm di tessuto per la base del surf: io ho scelto un tessuto effetto legno perché cercavo un effetto Vintage, proprio come i surf hawaiiani degli anni 40’-50’
50 cm di solid turchese
Ritagli di colori a piacere per il fiore di ibisco e la tartaruga
50 x140 cm di imbottitura in poliestere spessa
50 x140 cm di tessuto per il retro (il mio è un solid marrone scuro)
Filati in tinta
Spilli

ECCO IN 10 SEMPLICI PASSI COME REALIZZARE IL VOSTRO SURF

1- Ritagliate dal cartamodello la sagoma del surf e delle onde e spillatele ai rispettivi tessuti. Ritagliate con cura mantenendovi all’esterno del bordo nero, poi rimuovete spilli e sagome in carta.





2- Sovrapponete le onde alla tavola da surf (cioè la base) e spillate i due pezzi in posizione. ATTENZIONE: i due pezzi insieme formeranno l’intera lunghezza del surf, sovrapponendosi parzialmente. A questo scopo sono state inserite nella versione finale del catamodello delle marcature che vi aiuteranno a trovare la giusta posizione . In questo modo non solo risparmierete tessuto, ma eviterete antiestetiche trasparenze dei tessuti scuri sotto ai solid chiari.


3- Applicate le onde sulla base con la tecnica del needle turning.

4- Ritagliate ed applicate il fiore di ibisco sulla base del surf. Il cartamodello del fiore è ripotato in un foglio a parte appositamente perché possiate ritagliare le sagome con un bisturi ed utilizzare lo stencil che se ne ricava per posizionare correttamente le foglie rispetto al fiore.

5- Ritagliate ed applicate sempre con la stessa tecnica la tartaruga nella porzione delle onde. Poi aggiungete i carapace, in un tessuto in contrasto. Ho volontariamente posizionato la tartaruga in modo che con una zampina esca parzialmente, perché alle Hawaii ho visto delle tavole così e mi erano proprio piaciute. Se volete aggiungere degli elementi come stelle marine, conchiglie, o sostituire la tartaruga con un delfino o una razza, potete utilizzare

6- Stendete il tessuto scelto per il retro, con il dritto appoggiato al piano di lavoro, poi l’imbottitura e infine il top, con il dritto verso l’alto. Imbastite a griglia, lasciando i punti abbastanza laschi.
ATTENZIONE: non utilizzate colla spray, né imbottiture termoadesive, in quanto il tessuto deve poter scorrere sull’imbottitura per creare l’effetto tridimensionale proprio della tecnica hawaiiana.

7- Quiltate a mano prima i contorni delle parti in appliqué, poi ad eco tutto il resto. Ho scelto di quiltare il tessuto color legno seguendo le venature ed i nodi, per ottenere un effetto più realistico, ma ovviamente dipende dal tipo di tessuto che avete scelto per lo sfondo. Lungo tutto il perimetro esterno lasciate 1,5 cm non quiltati, che vi serviranno per chiudere il lavoro.

8- Girate il lavoro al rovescio e tagliate imbottitura e retro tutto intorno per quella larghezza di 1,5 cm lasciata non quiltata. Se vi aiuta, potete segnare questo margine con una matita da sarte prima di tagliare.

9- Girate indietro il tessuto e imbastite tutto il bordo. Fate attenzione alla punta del surf e agli angoli retti sulla base.

10- Fissate tutto con un sottopunto abbastanza vicino, in modo da poter lavare e usare senza timori il vostro comodissimo surf da viaggio!






1 commento:

Benny ha detto...

Any time you assume type elegance and pace, 1 of the 1st issues that arrive to thoughts could possibly be considered rolex replica. Driving down the highway at 90 miles an hour, the fields of green whizzing by your hublot replica audio holding you in speed in your road to anyplace, USA. For many years tag heuer replica has introduced us the best styles that capital can invest in. Not just inside the fabulous cars which they make but additionally in rolex replica sale as well as other accessories for that best Rolex lover. For countless acquiring a Rolex is known as a dream several a long time away or maybe not at all. Even though they such as the Porshe title, they could never be able to rolex replica find the money for one particular. Nevertheless, those a large number of might go to the next very best factor, Rolex Design Watches.